ComunicatiPrima pagina

TU INFIAMMA LA DEVOZIONE NOSTRA, VIRGO FIDELIS!

È ricorrenza nazionale, in data 21 novembre, la commemorazione annuale della Patrona dell’Arma: la Virgo Fidelis – appellativo che allude al motto araldico “Nei secoli fedele.”

La festa venne promulgata da Papa Pio XII, l’11 novembre 1949 e ricorre in concomitanza con l’80° anniversario della battaglia di Culquaber tra Italiani e Britannici, combattuta in Abissinia – l’attuale Etiopia – che vide schierato in prima linea proprio il battaglione dei Carabinieri.

L’accento da porsi, nel nostro territorio, riguarda la celebrazione eucaristica, organizzata in occasione dell’evento presso la Chiesa Cattedrale di San Severo.

  1. E. Rev.ma Mons. Giovanni Checchinato, Vescovo della Diocesi di San Severo, ha presieduto la Santa Messa, anticipata alle ore 10.00 di sabato 20. La funzione religiosa ha visto la partecipazione della Compagnia dei Carabinieri di San Severo, comandata dal Capitano Marco Vanni, e stazioni, Carabinieri di ogni ordine e grado con le loro rispettive famiglie, cosiccome associazioni simpatizzanti quali l’A.N.C del territorio, superstiti, vedove, orfani, familiari e congiunti delle Vittime del Dovere e dei Militari decorati al Valor Civile. A seguire, un discorso, enunciato dal Capitano Vanni, di grande impatto emotivo – come ha, poi, sottolineato il Vescovo stesso, riprendendone le parole. La differenza fiorisce tra il mero ‘fare’ il Carabiniere e il prolifico ‘essere’ Carabiniere, e se tutti si impegnassero ad essere, più che a fare, il mondo in cui vivremmo non potrebbe, a sua volta, che essere migliore. In conclusione, ha avuto luogo la lettura della preghiera alla Vergine interceditrice, proferita dal Lgt C. S. Filardo Agostino: l’invocazione mette a nudo l’essenza di un vero Carabiniere, tra spirito di sacrificio e fede fiduciosa.

Tali esempi non mancano in scala quotidiana e hanno fatto sì che, dal suo canto, anche la popolazione locale abbia affiancato l’Arma nel corso della cerimonia con entusiasmo ragguardevole. Il ricordo della tradizione rimane ancora vivo nei cuori, e l’onore alla memoria dei caduti in battaglia per la patria e in difesa dei cittadini è più ardente che mai.

Il servizio dei Carabinieri si prodiga indefesso, anche attraverso i tempi più bui, cosicché possa sorgere, giorno dopo giorno, una nuova alba, sempre più splendente di prima.

GRAZIA TESTA

Altri articoli

Back to top button