EventiPrima pagina

Tutto pronto per “Musica nelle Corti di Capitanata”.

Dal 24 giugno torna senza restrizioni nel suggestivo Chiostro di Santa Chiara.

Programma ricco di spettacoli di grande interesse artistico, tornano anche gli appuntamenti de “Il solista e l’Orchestra” e il Premio Corti di Capitanata.

Torna “Musica nelle Corti di Capitanata”. Dal 24 giugno al 21 luglio le serate foggiane saranno nuovamente allietate dalla rassegna concertistica che mette insieme studenti e docenti del Conservatorio di Musica “Umberto Giordano” e che quest’anno è giunta alla 26esima edizione.

Programma ricco di spettacoli di grande interesse artistico anche in questa edizione che vedrà svolgersi in contemporanea la XVII edizione del Rodi Jazz Fest. Ma non è tutto. Dopo le venticinque candeline spente l’anno scorso, quest’anno la kermesse del Conservatorio di Musica Umberto Giordano celebra un altro importante compleanno, quello della sua Orchestra Sinfonica che compie trenta anni. Teatro della rassegna sarà come sempre il suggestivo Chiostro di Santa Chiara.

Sedici i concerti in cartellone e anche quest’anno, come tradizione consolidata vuole, torneranno gli appuntamenti de “Il solista e l’Orchestra” che vedranno esibirsi come solisti in due diversi appuntamenti sei studenti del Conservatorio selezionati durante le udizioni dei mesi scorsi fra la sede foggiana e la sezione staccata di Rodi Garganico. Un di loro riceverà il Premio Corti di Capitanata (nato nel 2018) che consisterà nell’assegnazione di un recital solistico nella stagione concertistica dell’Associazione Amici della Musica di Foggia. Uno di questi concerti (l’8 luglio) sarà dedicato alla memoria di Giuseppe Graniero, cornista studente del Conservatorio scomparso tre anni fa, al quale è stata intitolata una borsa di studio che verrà assegnata nella serata finale della rassegna, ovvero il Gran Galà Lirico Sinfonico del 21 luglio.

“Quello di quest’anno – dichiara il Presidente del Conservatorio, il prof. Saverio Russo – è una edizione particolare che avrà come sfondo la guerra. Per questo, ancor più degli anni passati, in questa edizione la musica si farà strumento di pace e segnale di speranza per i giovani e per il loro futuro.

“Ancora una volta ‘Musica nelle Corti di Capitanata’ sarà il cuore pulsante della didattica del Conservatorio. Perché sarà la vetrina dei nostri talenti, dei ragazzi che hanno dimostrato impegno e dedizione nel percorso di studi” sottolinea il Direttore, il Maestro Francesco Montaruli.

L’edizione numero ventisei di “Musica nelle Corti di Capitanata” sarà fruibile esclusivamente in presenza (è prevista la diretta streaming soltanto del concerto inaugurale e di quello finale). Come in passato, per assistere ai concerti, sarà sufficiente presentarsi la sera a partire dalle ore 20.30 presso il Chiostro di Santa Chiara.

Altri articoli

Back to top button