Comunicati

UDC: Il reparto di oculistica sembrerebbe destinato a scomparire dal nostro ospedale

Dopo i lusinghieri risultati ottenuti a favore del nostro nosocomio l’Ospedale Civile “Teresa Masselli Mascia” – anzi dell’Ospedale Civile dell’Alto Tavoliere “Teresa Masselli Mascia”, così come noi ancora una volta sollecitiamo la Direzione Generale dell’ASL Foggia a rinominarlo in modo che sia chiaro che questo Ospedale, che ha sede a San Severo, è anche l’Ospedale del Nord della provincia di Foggia – anche grazie all’impegno del Consigliere Napoleone Cera, Capogruppo Consiliare dei Popolari in seno al Consiglio Regionale della Puglia, vogliamo porre all’attenzione dell’opinione pubblica e con essa agli Organi locali e regionale, quella che appare essere una dimenticanza del Piano di Riordino Ospedaliero.

Il riferimento è all’Unità Operativa Semplice di Oculistica che sembrerebbe essere destinata a scomparire tra le attività sanitarie del nostro Ospedale.

Questa eventualità rappresenterebbe un grave disagio per il territorio dell’Alto Tavoliere e del Subappennino in quanto, riferendoci ai dati consolidati del 2015, oltre alle attività rutinarie, sono stati oltre 1.000 i pazienti operati di cataratta presso il nostro Ospedale, a cui vanno anche aggiunti i circa 600 trattati presso l’Ospedale “Francesco Lastaria” di Lucera grazie al “rinforzo” di una unità medica delle 4 che operano a San Severo per due giorni a settimana, il che ha quasi azzerato il “turismo sanitario” verso un noto centro PRIVATO del Molise con notevole beneficio per le casse regionali.

Se può valere, visto che il riconoscimento dei meriti non sembra essere una virtù di questo mondo, ricordiamo a tutti che, nemmeno molti anni fa, quando l’Oculistica era stata di fatto cancellata dalle attività Ospedaliere pubbliche della provincia di Foggia, l’allora Amministrazione dell’ASL FG 1 di San Severo, puntò tutto sul Prof. Pasquale Pizzicoli, che non solo portò la sua alta professionalità ampiamente riconosciutagli, ma seppe fare Scuola di Oculistica Ospedaliera, formando un gruppo di operatori che si guadagnarono stima professionale contribuendo ad assolvere ad una grave lacuna Sanitaria dell’intera provincia di Foggia e con essa anche al prestigio dell’Ospedale di San Severo. Questi sono gli stessi che operano ancora oggi e che si sono visti prima ridurre la struttura da Unità Complessa a Unità Semplice di Oculistica e ora addirittura, forse, a vederla cancellata.

San Severo, domenica 2 ottobre 2016

Matteo Iantoschi – Segretario UDC San Severo

Altri articoli

Back to top button