ComunicatiPrima pagina

Umberto Porrelli  Italia in Comune “L’ecobonus una opportunità per rilanciare il comparto edilizia e rinnovare la città. Un front office per consigliare i sanseveresi”

“C’è la possibilità di rilanciare il comparto edilizio locale con tutto il suo indotto e riqualificare la città grazie all’ecobonus al 110%. Pertanto chiedo al sindaco Francesco Miglio di attivare uno sportello comunale con l’ausilio di tecnici comunali o di consulenti esterni per consentire ai cittadini di non perdere questa opportunità”. È la proposta  Umberto Porrelli, esponente di Italia in Comune, che analizza gli aspetti positivi dell’ecobonus al 110% ed elenca i punti di interesse per gli imprenditori locali del settore. “Gli edifici residenziali della città – spiega Porrelli – sono per il 75% anteriori al 1980, perlopiù tra il 1919 e il 1945, e solo il 22,74% è stato realizzato tra il 1981 e il 2005. Dopo il 2005 sono state realizzate solo 2,02 % delle case. Si tratta di dati aggiornati al 2015 ma che fanno ben comprendere lo stato delle costruzioni sanseveresi e di quanti potrebbero approfittare dell’ecobonus. Si tratta di opportunità con risvolti economici importanti per l’economia complessiva della città. Anche alla luce della presenza di numerose aziend del comparto edile e di numerose aziende che operano a supporto dell’indotto con migliaia di occupati, che negli anni hanno subito la crisi del settore”.

Inoltre l’iniziativa potrebbe contribuire anche a riqualificare interi rioni cittadini, oltre che il centro storico dove sono presenti immobili spesso abbandonati all’incuria e che necessiterebbero di interventi importanti di riqualificazione. “Purtroppo spesso i cittadini – aggiunge l’esponente di Italia in Comune –, non hanno la competenza o sono poco informati sulle opportunità di finanziamenti a cui potrebbero attingere. Per questo l’idea di una campagna divulgativa e la presenza di un punto informativo agevolerebbe l’accesso al bonus riqualificando anche l’edilizia locale da un punto di vista ambientale ed antisismico”. La novità della misura governativa è la cessione del credito per l’ecobonus al 110 per cento che consiste appunto nella cessione del credito maturato (ovvero della cifra che verrà restituita al cittadino nell’arco di cinque anni) a intermediari finanziari (banche o assicurazioni) o alla stessa impresa che ha realizzato i lavori, che lo incasserà dal fisco. Una misura che permette alle famiglie di far svolgere gratuitamente i lavori di ristrutturazione che rientrano nell’ecobonus al 110%.

Altri articoli

Back to top button