In evidenzaPrima paginaSport

UNA NOSTRA NUOVA GENERAZIONE DI SUCCESSI SPORTIVI

di ELISABETTA CIAVARELLA

La sanseverese GAIA PIA CARELLA – come riferiamo nei servizi sportivi – ha vinto due medaglie di bronzo ai Campionati Europei Cadetti e Giovani di scherma a Foggia. Un risultato sportivo grandioso. Ho voluto chiedere ai genitori di GAIA, L’EMOZIONE CHE SI È VISSUTA IN CASA:
“Ebbene, a dire il vero nostra figlia ci aveva un po’ abituati perché già a 10 anni, durante la sua prima partecipazione al Campionato Italiano Under 14, è risultata la vincitrice. Ma si è classificata al 1° posto pure un’altra volta, ad un Campionato Italiano Under 14 ed ha anche vinto tre Trofei Kinder Più Sport, oltre a tanti altri premi e piazzamenti”.
QUINDI UN LUNGO PERCORSO VITTORIOSO. MA QUANDO GAIA SI È INTERESSATA ALLA SCHERMA?
“È successo che la nostra GAIA, durante un’edizione della Notte Bianca dello Sport di San Severo, all’età di 7 anni, vedendo gareggiare dei ragazzi, ne è rimasta talmente affascinata che subito ha voluto dedicarsi a tale sport, dapprima come attività ludica e poi partecipando a livello agonistico”.
QUALI SONO STATI I SACRIFICI MAGGIORI CHE HA DOVUTO SOPPORTARE?
“Dalla prima media si è dovuta organizzare con i compiti perché due volte a settimana ha iniziato ad andare a Napoli per allenarsi con il Maestro GIGI TARANTINO. Ma non si è né mai tirata indietro di fronte alle difficoltà e né ha mai trascurato sia i doveri scolastici che le amicizie. Anzi oggi può contare su una cerchia allargata di giovani amici anch’essi dediti allo sport”.
LA SCHERMA HA AGGIUNTO QUALCOSA ALLA PERSONALITÀ DI GAIA?
“Certo, una crescente forza e determinazione nell’affrontare gli ostacoli della vita ed una maggiore concentrazione di fronte alle sfide da superare che hanno allargato i suoi orizzonti”.
Eppure GAIA PIA CARELLA non è solo tutto questo. È una ragazza che sprigiona una profonda simpatia ed una vitalità coinvolgente. Una giovanissima in grado di sopportare con coraggio ogni sacrificio. Un onore per la città di San Severo essere culla di giovani che si distinguono nel perseguire scopi meritevoli di apprezzamento.

Altri articoli

Back to top button