EventiSport

Uno scherzo del destino per l’Allianz, si riprende il Campionato proprio a Sant’Elpidio!

di Ciro Mancino

Uno scherzo del destino; potremmo sintetizzarla così la prossima partita del Campionato di Serie B. L’Allianz, infatti, andrà a giocare proprio su quel parquet dove è maturata la prima sconfitta stagionale ad opera della Fiorentina nel quarto di finale di Coppa Italia. Questa domenica, però, a sfidare i sanseveresi saranno i padroni di casa della Malloni Bk Porto Sant’Elpidio. Il campionato, come dimostra la classifica, sembra essere già scritto, ma resta un banco di prova importante per valutare se ci sarà o meno la reazione degli uomini guidati da Giorgio Salvemini.

GLI AVVERSARI – I marchigiani agli ordini di coach Marco Schiavi hanno accumulato un totale di 14 punti con altrettante sconfitte e solo 7 vittorie di cui, tolta l’ultima disfatta casalinga, due consecutive contro Catanzaro e Pescara (non una avversaria semplice). Sebbene quindi il posizionamento in classifica, i playout non sono così scontati e bastarebbero alcune vittorie per ribaltare una situazione che al netto di quanto si legge oggi, è abbastanza complicata. Vista la portata dell’avversaria, per Sant’Elpidio ci saranno le motivazioni giuste per giocare la partita della vita?

L’ALLIANZ –  L’Allianz a differenza degli sfidanti ha giocato in Coppa e l’unico ostacolo, oltre al fattore psicologico di cui parleremo a breve, potrebbe essere non aver smaltito pienamente i carichi di lavoro. La condizione fisica, però, non deve essere un’attenuante e bisogna scendere in campo cercando di vincere non tanto per la classifica quanto piuttosto per il morale.

OCCHI PUNTATI SUL…PALASPORT COMUNALE – Come sottolineato in apertura, a distanza di dieci giorni, la Cestistica ritorna al “Palasport Comunale”. Quale sarà l’atteggiamento in campo dei ‘neri’? Quali conseguenze ha lasciato la partita di Firenze? Una squadra forte mentalmente di certo non si lascia scalfire da una partita persa (tra l’altro per due punti…), ma è altrettanto vero che le sconfitte tolgono certezze. Ora, come ha ribadito anche il Presidente Ciavarella, non è il momento di disunirsi e di continuare a lavorare con professionalità fino alla fine del campionato. Solo dopo si potrà pensare ai playoff.

Altri articoli

Back to top button