ComunicatiIn evidenza

(video) DOPO 11 ANNI CHIUDE LO SPAZIO OFF DEL “CAFFÈ TRA LE RIGHE” DI SAN SEVERO

Il Coronavirus sta mettendo in ginocchio l’economia dell’intero Paese.
O meglio, se non tutti i settori sono stati colpiti allo stesso modo, la maggior parte sta attraversando uno dei momenti più tristi, come quello delle Associazioni Culturali.

Un esempio delle ripercussioni di tali tempi amari è, nella Città di San Severo, la chiusura dello Spazio Off “Caffè tra le righe”.

…SEGUE

https://www.facebook.com/paolamarino8/videos/10220528137226258/UzpfSTE2MTc5NTI3NDQ6MzA2MDYxMTI5NDk5NDE0OjEwOjA6MTU5MDk5NDc5OTotNTMyODgyNzIwMDk2MDc0MTQ4NA/

Parliamo di undici anni dedicati alla diffusione della Cultura che sono stati travolti dagli effetti ‘collaterali’ (se possono così definirsi), dovuti allo stato di emergenza sanitaria da Covid-19.

E non si può rimanere indifferenti a tutto ciò, come dinanzi al video toccante della Direttrice Artistica di Spazio Off “Caffè tra le righe”, Paola MARINO, pubblicato sui social e da cui trapela tutta la sua delusione ed a cui si aggiunge anche la nostra.

Nel video appare un pianoforte che viene tolto dal suo posto…il simbolo di un mezzo suadente che accompagnava serate dedicate alla Cultura…

“Oggi tocca allo spazio-off. Un’Associazione Culturale che da undici anni si occupa di teatro con corsi per bambini e per adulti, libri, incontri, scrittura creativa e con una rassegna jazz internazionale”, dichiara con amarezza la MARINO, aggiungendo il fatto che i costi per la sua struttura teatrale di 80 posti, sono elevati e, purtroppo, non vi sono agevolazioni per le Associazioni Culturali.

“Ci rendiamo conto che aggregazioni di persone per un po’ di tempo non ci potranno essere: portare avanti una struttura del genere con 10 o 20 persone è impossibile. Si chiude anche questo capitolo”.

È in attesa però la riapertura dell’area ristorazione del “Caffè tra le righe”, che dovrà fare a meno di qualche dipendente e di coperti, come del resto tutte le attività le cui riaperture sono ancora in sospeso.

Inutile aggiungere che numerose sono le attività che necessitano di misure urgenti e che apportino sostegni efficaci, validi e soprattutto immediati.

Occorrono solo risposte che non siano pagliativi momentanei.

Il Presente necessita di aiuto, ma ancora di più ne ha bisogno il Futuro,
se sarà reso possibile per innumerevoli Attività e Lavoratori,
sperando comunque innanzitutto di debellare questo maledetto virus.

Elisabetta Ciavarella

Altri articoli

Back to top button