In evidenza

ZONA CIP : MANCAVANO SOLO I FURTI DI UN CHILOMETRO DI CAVI DI RAME!

Abbiamo tante volte in passato affrontato il tema dei vari problemi della ZONA CIP, ubicata subito dopo il ponte sulla ferrovia in prossimità del Cimitero. Di recente ci eravamo soffermati anche sulla sporcizia creata da cittadini incoscienti che hanno contribuito alla creazione di vere e proprie mini-discariche a cielo aperto ma anche su altri problemi

 

che il Consorzio che si occupa di questa zona sanseverese dovrebbe provvedere a risolvere, unitamente al Comune per la parte che istituzionalmente compete. In quest’ultimo periodo si è aggiunto un altro serio problema, peraltro di complicata soluzione per il costo materiale di circa un chilometro di cavi di rame trafugato da mani di ignoti ladri che, in queste ed altre zone, continuano a spadroneggiare senza un concreto ed efficace argine. Non sarebbe male che l’Amministrazione Comunale, sia pure per la tutela che va riservata ad ogni zona del proprio territorio, soffermasse una qualche attenzione sulla ZONA CIP, tra le cui aziende locali in palpabile sofferenza sociale c’è anche la nostra tipografico-editoriale. Si chiede, in pratica, non un trattamento di favore ma quel che spetta ad ogni azienda e ad ogni zona dell’abitato e delle sue immediate periferie (definiamole industriali, commerciali ed artigianali per capirci). Aggiungiamo che un servizio di pattugliamento generale della Cittá non dovrebbe trascurare neppure queste zone, al fine di difenderle unendo ai servizi di vigilanza privati un servizio pubblico-istituzionale svolto dai Corpi di stanza a San Severo. Così non solo i cavi di rame…ma anche quelli, per i quali serve comunque parecchio tempo per trafugarli, potranno rimanere al proprio posto a svolgere l’importante ruolo al quale sono tecnicamente deputati. I problemi della ZONA CIP, insomma, sono parecchi e dunque sia pure una minima attenzione le va riconosciuta, come del resto a tutto l’agro sanseverese.

GRUPPO SALES

Altri articoli

Back to top button