Webp.net-gifmaker (5)
LA POLITICA “DORME” … GLI AFFITTI NO!!! Tante famiglie a rischio sfratto. | La Gazzetta di San Severo
Comunicati In evidenza Prima pagina

LA POLITICA “DORME” … GLI AFFITTI NO!!! Tante famiglie a rischio sfratto.

valigia-sfratto

Mentre il sindaco-presidente Francesco Miglio temporeggia senza giustificazioni, le famiglie aspettano i contributi per i canoni di locazione e rischiano lo sfratto.

A San Severo la politica perde tempo in futili giochi di potere dimenticando le necessità dei cittadini. A Palazzo si opera da oltre 2 mesi con una giunta priva di 2 assessori (il Sindaco, che è pure Presidente della Provincia, tiene per se oltre 30 deleghe), e forse si perde di vista l’interesse della comunità.

Sono infatti 235 le famiglie, in forte difficoltà economica, che attendono con ansia il famoso contributo per l’affitto. A quanto sembra i soldi sarebbero arrivati sui conti del Comune di San Severo già nella prima decade di dicembre, ma, ad oggi, nessun beneficiario ha ottenuto il vitale contributo.

Questi ritardi, circa due mesi, in alcuni casi creano tensione sociale ed espongono alcune famiglie al rischio di incorrere in procedure di sfratto.

Difficile capire cosa stia facendo l’Amministrazione Miglio in tal senso e perché sia necessario tutto questo tempo per apporre un paio di firme, e liquidare le somme dovute, al fine di risolvere una situazione che interessa complessivamente oltre 1.000 PERSONE.

Sindaco Miglio, si svegli e cominci ad occuparsi seriamente dei problemi reali dei cittadini, San Severo non può più aspettare una giunta e non può più accettare comportamenti amministrativi superficiali e sciatti.

La politica spesso non riesce a far fronte alle reali esigenze della gente per scarse risorse. Ma, quando i fondi ci sono e la colpa è della sciatteria, allora si determina il fallimento della politica stessa. E gli amministratori, guardandosi allo specchio, dovrebbero ammettere la propria inconsistenza e tornare a casa. Perché c’è chi una casa, per colpa dei ritardi della politica, rischia a breve di non averla più.

Francesco Stefanetti

consigliere comunale