In evidenza

APRICENA – RIQUALIFICATA L’AREA DELL’EX CARCERE Ripulito il piazzale antistante e decorate le pareti esterne

APRICENA – Una nuova veste per la parte esterna dell’ex carcere di Apricena. Grazie all’opera volontaria di un gruppo di ragazzi è stato completamente ripulito il piazzale antistante e le aiuole. È iniziato, inoltre, un lavoro di riqualificazione delle mura con la realizzazione di nuovi murales e opere di street art. “Come Amministrazione abbiamo accettato

 

con grande entusiasmo la proposta di un gruppo di Apricenesi che avevano chiesto, anche sotto la gestione commissariale, di poter realizzare qualcosa di positivo nell’area abbandonata dell’ex carcere. La nostra Giunta, tra i primi atti, nello scorso mese di giugno ha dato il via all’autorizzazione”.

 

 

La riqualificazione consente il recupero di una zona degradata, ora riconsegnata alla Città. Nello spazio antistante l’ingresso dell’ex carcere, infatti, già nel corso di questa estate sono stati realizzati eventi culturali con protagonista la musica e la cultura Hip Hop. Iniziative che hanno richiamato ad Apricena centinaia di persone provenienti dalla provincia di Foggia e dalle regioni limitrofe.

“Voglio personalmente ringraziare i ragazzi che hanno realizzato i lavori e che si sono occupati anche dell’organizzazione degli eventi”, commenta il Sindaco Antonio Potenza.  “Siamo felici – prosegue il Primo Cittadino – di aver fatto breccia nella sensibilità degli Apricenesi, promuovendo questo tipo di iniziative. La riqualificazione dell’ex carcere si aggiunge a quella dell’ex stadio “Del Marmo”, entrambe effettuate a costo zero per il comune, con il contributo volontario dei nostri Concittadini”.

“Abbiamo ricevuto già altre richieste di associazioni e privati per altre strutture pubbliche, spesso lasciate in stato di abbandono. Ora contiamo, attraverso pubblici avvisi, di assegnarle a chi, anche a proprie spese, sarà in grado di riconsegnarle alla Città. In questa maniera – conclude Potenza – lavoriamo per riqualificare un patrimonio comunale importante che però, con la sola finanza pubblica, non è più possibile mantenere”.

Altri articoli

Back to top button