CronacaIn evidenza

Assenteismo ASL: La Cassazione annulla la misura adottata nei confronti della Colò Antonella

Antonella Colò chiederà di essere reintegrata nel lavoro e servizio alle dipendenze dell’Azienda Ospedaliera.

La sig.ra Colò Antonella difesa dall’avv. Ettore Censano coinvolta, suo malgrado, nell’inchiesta penale avente ad oggetto presunte ipotesi di truffa aggravata ai danni dell’ospedale Teresa Masselli di San Severo. I fatti di assunto assenteismo, contestati dalla Procura della Repubblica di Foggia, hanno portato, lo scorso maggio, agli arresti domiciliari otto indagati, tra cui la precitata.
Sebbene la misura cautelare genetica, emessa dal Gip del tribunale di Foggia, fosse stata medio tempore sostituita con quella interdittiva della sospensione dal servizio, nell’interesse della Colò Antonella si è ritenuto di coltivare i mezzi di impugnazione cautelari. La precitata si è sempre proclamata estranea agli addebiti, giustificando le contestazioni in sede di interrogatorio di garanzia con produzione documentale a sostegno; pertanto, nella convinzione dell’ingiustizia subita, si è proposto ricorso alla Suprema Corte che nella tarda serata di ieri, accogliendo i motivi di doglianza, ha cassato le decisioni dei Giudici territoriali disponendo l’annullamento senza rinvio dell’ordinanza genetica e, consequenzialmente, dei provvedimenti successivi derivati.
A seguito del clamore che la vicenda ha assunto, con la conseguente “gogna mediatica” che ne è derivata, è quantomai necessario rimarcare che la Suprema Corte di Cassazione, senza disporre un giudizio di rinvio, ha dichiarato la nullità della misura a cui era stata sottoposta la Colò Antonella, che essendo esente da vincoli cautelari chiederà, senza ritardo, di essere reintegrata nel lavoro e servizio alle dipendenze dell’Azienda Ospedaliera.

Altri articoli

Back to top button