Cronaca

I CARABINIERI DELLA COMPAGNIA DI MANFREDONIA HANNO TRATTO IN ARRESTO TRE UOMINI IN ESECUZIONE DI ALTRETTANTI PROVVEDIMENTI DELL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA.

LOMUSCIO Claudio, classe 1979, è stato tratto in arresto dal personale della Stazione Carabinieri di Zapponeta in esecuzione di un ordine di espiazione pena detentiva domiciliare emessa nei suoi confronti dall’ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Trani. L’uomo dovrà scontare una pena residua pari a mesi sei di reclusione domiciliare per un furto aggravato in concorso dallo stesso commesso il 30 gennaio 2014 in Barletta.

CENTURIONE Pasquale, classe 1941, è stato tratto in arresto dal personale della Stazione Carabinieri di Manfredonia in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare domiciliare emessa a suo carico dal Tribunale di Foggia su richiesta dell’Arma sipontina. L’uomo infatti, già più volte tratto in arresto dai Carabinieri per atti persecutori nei confronti della ex moglie, già sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento alla persona offesa dal reato, non si è attenuto alle prescrizioni impostegli. Il fatto è stato quindi opportunamente refertato dai Carabinieri e trasmesso al Giudice competente che, preso atto dell’accaduto, ha disposto la sottoposizione agli arresti domiciliari dell’uomo quale misura cautelare ritenuta più idonea a prevenire l’ulteriore commissione di reati in danno della vittima.

FRATTARUOLO Antonio infine, classe 1960, è stato tratto in arresto dal personale della Stazione Carabinieri di Monte Sant’Angelo in esecuzione di un ordine di espiazione pena detentiva in regime di semilibertà emessa nei suoi confronti dall’ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Foggia. L’uomo dovrà scontare una pena residua pari ad anni due mesi nove e giorni diciotto di reclusione per reati connessi alla detenzione illegale di ingente sostanza stupefacente e armi, fatti accertati nel luglio 2014 in località Macchia di Monta Sant’Angelo, allorquando venne tratto in arresto.

Altri articoli

Back to top button