Eventi

Convegno Scientifico su “Strategie diagnostiche e riabilitative delle sordità infantili”

Sabato 28 gennaio 2017, nella splendida cornice dell’Auditorium Pasquale Trecca dell’Ordine dei Medici Chirurghi di Foggia si e’ tenuto il convegno “Strategie diagnostiche e riabilitative delle sordità infantili”. L’evento formativo, presentato con i saluti del Presidente Nazionale della Societa’ Italiana di Foniatria e Logopedia Dr.ssa Marina Tripodi, presieduto da Pasquale Cassano, Docente della Cattedra di Otorinolaringoiatria dell’Università di Foggia e da Roberto Cocchi, Direttore del Dipartimento Maxillo-Facciale dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, con Lucio Vigliaroli, Specialista Otorino ad Alta Professionalita’ dell’Ospedale e responsabile scientifico dell’evento. Il convegno si e’ sviluppato intorno al delicato e complesso argomento delle sordità infantili, dalla diagnosi fino alla riabilitazione successiva, alla protesizzazione acustica o all’impianto cocleare. Si e’ discusso inoltre delle recenti acquisizioni nell’ambito della ricerca tecnologica, scientifica e di screening uditivo neonatale universale. Partendo dalla constatazione del progressivo aumento del numero di casi osservato negli ultimi anni e del crescente impatto in ambito sanitario e socio-economico, si e’ ribadita la necessita’ di utilizzo da parte delle strutture sanitarie periferiche e centrali dei protocolli gia’ definiti e delle linee guida specifiche, anche alla luce del recente inserimento, da parte del legislatore, dello screening uditivo come strumento di prevenzione nei nuovi LEA, Livelli Essenziali di Assistenza, che il servizio sanitario è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento del ticket. Tra le novità sono state presentate alla folta platea di operatori sanitari, provenienti da piu’ provincie e regioni, le più recenti tecnologie diagnostiche e protesico-implantologiche, mostrando con una serie di video gli strabilianti risultati raggiunti dai piccoli pazienti, con performances di riabilitazione pressoche’ totale. Nella seconda parte dell’evento la Prof.ssa Elvira Tozzi, diretta collaboratrice del Prof. Umberto Barillari, Presidente del Corso di Laurea in Logopedia della seconda Universita’ degli Studi di Napoli, ha brillantemente presentato una lettura magistrale sui disturbi del linguaggio e della comunicazione. Nella terza parte del convegno e’ stata promossa una Tavola Rotonda dedicata al trattamento delle ipoacusie infantili ed all’analisi delle criticita’ del territorio, viste da diversi profili professionali, alla quale hanno partecipato il Dr. Leonardo Miscio, Direttore della Struttura di Governo Clinico della Casa Sollievo e membro del Consiglio Dell’Ordine dei Medici, che ha trattato il delicato problema degli investimenti e dei costi ospedalieri per tali chirurgie ad elevata specializzazione, ribadendo l’impegno dell’ospedale a portare avanti in tutti modi tali progetti; il Dr. Lucio Vigliaroli ha dettagliatamente posto l’accento sull’esigenza di un rapporto molto collaborativo delle famiglie dei piccoli pazienti, che fanno parte integrante del team operativo, che a sua volte si compone di altrettante professionalita’. E’ stata la vollta della Dr.ssa Maria Cerullo, Audiologa operatrice in diretta collaborazione con l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Foggia, la quale ha rimarcato fortemente la necessita’ di rendere universale lo screening ai fini di poter sottopore tutti i piccoli nati all’esame e soprattutto non perdere i pazienti con esame dubbio. Questa esigenza e’ stata fatta propria e rimarcata dallo Specialista Pediatra del territorio, in rappresentanza dell’associazione, Dr. Vincenzo Del Vicario. Gli interventi del Dr. Stefano Villani, Medico e Vicepresidente di FiaddApulia, in rappresentanza delle famiglie dei piccoli audiolesi, che ha mostrato il difficile iter burocratico per difendere le esigenze e i diritti dei piccoli pazienti, e della Dr.ssa Lucia Russi, Medico Neuropsichiatra Infantile, che ha brillantemente illustrato il difficile percorso psicologico familiare, sociale e scolastico, attraversato dal paziente in pieno periodo di crescita e sviluppo, hanno chiuso i lavori, con l’impegno comune degli operatori a voler migliorare questa fetta di sanita’ ed assistenza sociale sul nostro territorio.

Altri articoli

Back to top button