In evidenza

Creare occupazione con la cultura, il turismo e la promozione del territorio.

Il programma della Nuova coalizione di Centrodestra pone al centro la persona nella propria complessità e completezza. A tal proposito, vi è da sottolineare che parte fondamentale dell’essere umano è la cultura, componente ormai imprescindibile per una corretta

 

collocazione dell’individuo sia nel corpo sociale di appartenenza, sia per la sua integrazione in contesti più ampi come l’Unione europea. Ma la cultura, oggi, va intesa come patrimonio condiviso da una intera comunità, frutto delle sinergie tra amministrazioni pubbliche e soggetti privati intenzionati a recuperare, difendere e valorizzare l’identità di una comunità. Il nostro programma prevede “la valorizzazione delle eccellenze, dei siti culturali e dei tracciati storici” della nostra città attraverso il progetto “Distretto culturale di San Severo”. Per mezzo di tale strumento, il patrimonio culturale/intellettuale della Città deve diventare occasione di sviluppo e occupazione nel settore culturale. Il progetto prevede l’ulteriore sviluppo del Museo dell’Alto Tavoliere, già molto cresciuto negli ultimi anni grazie alla magistrale direzione della dottoressa Elena Antonacci, la creazione di un polo bibliotecario all’avanguardia che metta in rete le risorse della comunale “Minuziano” e di altre realtà, anche di natura specialistica, come la economico/giuridica “Chirò”, un utilizzo più “intensivo” del Teatro comunale sia come contenitore culturale che come luogo di incontro  fra le realtà cittadine che si occupano di arte e spettacolo, anche nella prospettiva di poter costituire, se ve ne saranno le condizioni, un’Opera stabile del Teatro “Giuseppe Verdi”. Si è già fatto cenno alla necessità di creare sinergie con i privati: è il caso di quei percorsi culturali che partono dalle produzioni agricole tipiche del territorio e che, negli ultimi decenni, hanno assunto una valenza culturale sempre crescente. Vino e olio hanno i loro percorsi e le loro strade, utili itinerari da “sfruttare” con innesti di ulteriori iniziative sia permanenti che temporanee che valorizzino l’ambiente artistico locale. E’ quasi banale pensare ad una maggiore  attenzione all’opera di Andrea Pazienza – figura di richiamo nazionale – ma non è altrettanto banale lavorare ad un progetto di valorizzazione delle risorse artistiche che in San Severo sono presenti. A tal proposito sarà utile fare ricorso all’agenzia regionale Pugliapromozione, in grado di fornire know how, informazioni e soprattutto contatti riguardo alle attività del turismo e dell’accoglienza.

A proposito di turismo, se eletta alla guida di Palazzo Celestini, la Nuova coalizione di Centrodestra sarà presente in tutte le iniziative a sostegno dell’ampliamento e del potenziamento dell’Aeroporto “Gino Lisa” di Foggia poiché ritiene tale infrastruttura assolutamente strategica per lo sviluppo del territorio.

Infine, un accenno all’assetto urbanistico cittadino, anch’esso bisognoso di politiche culturali che rivalutino il centro storico – come ampiamente illustrato nel nostro programma – ed impediscano che le zone periferiche continuino ad essere imbruttite dalla mancanza di aree verdi e da una inutile cementificazione. In una città delle dimensioni della nostra non vi è bisogno di progetti urbanistici faraonici e dispendiosi: l’azione di governo della Nuova coalizione di Centrodestra mirerà ad una completa integrazione delle periferie con il centro cittadino attraverso una razionalizzazione dei trasporti e dei servizi di competenza comunale, oltre che al recupero – facendo ricorso a finanziamenti europei – di alcuni “pezzi” del patrimonio pubblico come la interessante struttura dell’ex macello di via Foggia che potrà essere destinato a contenere un centro culturale polifunzionale (come sta avvenendo per l’ex mattatoio di Andria) oppure un polo museale, come quello realizzato nell’ex  macello di Polignano, intitolato al grande artista Pino Pascali.

Come ognuno può ben vedere, le nostre proposte non sono fantasiose: per divenire realtà hanno bisogno solo di impegno e lavoro.

La Nuova coalizione di Centrodestra

Antonio Del Vecchio

Altri articoli

Back to top button