In evidenza

IL CONSIGLIO DI STATO BOCCIA IL CONCORSO PER IL DIREGENTE DELLA II AREA.

FRANCESCO MIGLIO CHIEDE L’ANNULLAMENTO DI TUTTI CONCORSI PER DIRIGENTI

“È stato bocciato dalla V sezione del Consiglio di Stato il concorso per dirigente  per l’area II a causa dell’esclusione per i laureati in lettere per il posto dirigenziale di quell’area. L’alta corte amministrativa, inoltre, ha riformato la sentenza del Tar annullando

 

tutti gli atti adottati e ha condannato il Comune a rifondere all’appellante le spese di causa fissate in 5mila euro oltre gli accessori di legge”.

Così il consigliere comunale e candidato sindaco Francesco Miglio, da sempre in prima linea sulla vicenda, torna a puntare il dito contro l’amministrazione comunale per come è stata gestita l’intera vicenda, chiedendo agli amministratori per evitare possibili problemi di annullare l’intero concorso.

“La sentenza dell’Alta corte amministrativa – spiega Francesco Miglio -, travolge il solo concorso della seconda area, essendo l’annullamento incardinato sull’illecita esclusione della laurea in lettere. A stretto rigore, quindi gli altri due concorsi potrebbero avere svolgimento. Se però si considera l’iter complessivo del procedimento e gli atti che hanno portato all’esclusione della laurea in lettere non possono trascurarsi altri aspetti di eventuali illegittimità”.

Perciò, secondo l’esponente politico l’intero iter concorsuale potrebbe essere inficiato.

“Entrano quindi in gioco – prosegue il consigliere Miglio -, valutazioni di opportunità che impongono di rivedere il pubblico interesse sotteso allo stato delle procedure. In altri termini, andrebbe considerato, anche alla luce delle nuove norme in materia di controlli interni e di contrasto alla corruzione, la possibilità da parte dell’Ente, di non proseguire nelle procedure concorsuali, riesaminare gli atti del procedimento e valutarne la correttezza e regolarità. Anche per evitare che possibili violazioni di norme o illegittimità già poste in essere portino a nuove lesioni di interessi che potrebbero essere fatte valere in seguito con distinti ricorsi”.

Secondo il consigliere Miglio sulla vicenda peserebbe anche la mancata attuazione delle mobilità per le due aree da tempo concluse. Infatti, la presenza di altri due dirigenti di ruolo, oltre ad eliminare crescenti sofferenze della organizzazione comunale risolverebbe alcune anomalie in atto come  i continui valzer degli interim.

San Severo, 23 dicembre 2013

Altri articoli

Back to top button