In evidenza

LA SALUTE VA TUTELATA … SEMPRE!!!

La necessità di offrire al consumatore una vasta gamma di prodotti non sempre si concilia con la responsabilità di garantire articoli sani e genuini per il corpo. Oggi giorno la sicurezza alimentare viene costantemente minata

 

dalla moltitudine di ingredienti che il mercato globale propina nei negozi, abitualmente frequentati. In quanto è negli stessi alimenti (quali fonte primaria del fabbisogno quotidiano) che si possono celare sostanze nocive per la salute. Caso emblematico è la diffusione spropositata di un olio che, per caratteristiche concernenti la sua versatilità, trova impiego non soltanto nell’industria alimentare, ma anche nella cosmesi. Un olio dalla provenienza esotica la cui composizione è oggetto di pesante critica salutistico- ambientale (se si pensa alla deforestazione di antiche foreste pluviali, i cui ecosistemi sono il risultato armonioso della natura, irripetibile al mondo). L Olio di Palma , il cui riferimento viene spesso occultato da un’etichetta contenente lo pseudonimo di olio vegetale rappresenta una fonte di grassi importante nel mondo ed è possibile trovarla in dolci, paste, pizze, panini,biscotti o margarine. Indagini scientifiche hanno dimostrato che la percentuale di grassi acidi saturi da esso contenuti è superiore al cinquanta per cento (i cosiddetti aterogeni che hanno effetti negativi sulla salute , compreso l’aumento del rischio di tumori e di incidenti cardiovascolari quali l’ aterosclerosi , ossia l’infiammazione cronica delle arterie di grande e medio calibro ). Il Consiglio Superiore di Sanità in Belgio ha raccomandato di “limitare il consumo del grasso del latte come quello contenuto in burro e panna all’ otto per cento dell’apporto energetico giornaliero consigliando, pertanto, alimenti ricchi di olio d’oliva e di altri oli vegetali,quali mais, girasole, soia, colza e lino “ asserisce – con fare deciso – il docente di nutrizione e biochimica patologica dell’Università di Bruxelles Ivon Carpentier . l’Olio d’Oliva , al contrario, si distingue per le sue virtù benefiche e curative per il cervello in quanto la presenza di polifenoli (composti di origine naturale di cui quest’ultimo è ricchissimo) nella dieta  ha la capacità di prevenire il cancro e le malattie cardio-metaboliche e neurodegenerative, se si pensa all’ Alzheimer. Tuttavia, non sempre la teoria trova la sua giusta applicazione nella pratica. Questo pilastro, quale elemento portante della dieta mediterranea troppo spesso viene sostituito senza remora dall’industria alimentare al fine di minimizzare i costi con prodotti alternativi,ma dannosi. Questo influisce drasticamente su una tradizione legata all’uso di alimenti che, per secoli, hanno contribuito a costruire l’identità umana in un luogo ( si pensi all’atto primordiale di tramandarsi il pane). Un’alimentazione equilibrata assicura il raggiungimento di un benessere fisico e psichico armonico, oltre a influire positivamente sulla personalità e sulla durata della vita. Spetta al consumatore l’audace compito di autoregolarsi (a prescindere dalla propaganda di turno) e di saper individuare, con giudizio, gli alimenti sani da quelli … irrimediabilmente nocivi. Non dimenticando che, noi tutti: “Siamo ciò che mangiamo”L. A. Feuerbach .

 

Canistro Soccorsa

L Olio d’Oliva rappresenta il cardine della dieta mediterranea, modello di salute unico al mondo.

Altri articoli

Back to top button