In evidenza

La sintesi del team del “saggi” economici di San Severo Bene Comune: “Il bilancio comunale sarà trasparente, controllato e partecipato”.

Tra “spending review” e “patto di stabilità”, le amministrazioni comunali si barcamenano tra mille difficoltà per far “quadrare” i conti pubblici e tenere in “linea di galleggiamento” le casse comunali, ben attenti a non inasprire la pressione fiscale già asfissiante. Situazione

 

non dissimile da quella che il Ministero dell’Economia e delle Finanze tenta di fare a livello nazionale dove il tutto si traduce nel tener sotto controllo i parametri di Maastricht, continuare con i “tagli alla spesa” e lotta all’evasione fiscale, incentivare la domanda interna dei consumi e soprattutto consentire gli investimenti. Tornando a livello locale, la coalizione “San Severo Bene Comune” ed il candidato sindaco Francesco Miglio dichiarano che: “Il bilancio del Comune sarà trasparente, controllato e partecipato”. Tale è la sintesi ed il dettaglio delle attività programmatiche redatte dal forum tecnico che ha visto il prof. Giuseppe Catalano, Ordinario all’Università “La Sapienza” di Roma, al lavoro con il suo team “economico-finanziario”, formato da esperti sanseveresi come Giuseppe Laurino, presidente dei Dottori Commercialisti della provincia di Foggia, Michele Gravina, direttore di “Banca Etica” sede di Foggia, Leonardo Porporino, commercialista, ed Antonio Cicerale, bancario. “L’applicazione delle imposte, delle tariffe e delle altre entrate, oltre che le scelte di allocazione delle risorse pubbliche – sottolinea Francesco Miglio – costituiscono l’aspetto strategico delle politiche comunali che ‘San Severo Bene Comune’ intende attivare per garantire quantità e qualità dei servizi comunali ai cittadini”. La prima sfida della coalizione è di rendere il Bilancio trasparente e fruibile da parte di tutta la comunità che deve poter controllare il Documento fondante della vita politica cittadina. Dato che, alla fine, non c’è equità fiscale se ci sono contribuenti che pur potendolo fare, non pagano le tasse. Quindi, lotta all’evasione per far pagare meno tributi. Come pure è chiaro che ci sono risorse da reperire, gestendo meglio i costi, anche all’interno dell’Ente. “Adotteremo il metodo del bilancio partecipato – riprende Francesco Miglio – coinvolgendo cittadini, associazioni e movimenti nelle decisioni strategiche, nella definizione della struttura di imposte e tariffe, e la destinazione delle risorse disponibili. In questa prospettiva appare preliminare procedere tempestivamente ad un’azione di verifica dei conti comunali, con particolare riferimento alla valutazione della spesa, allo stato di attuazione degli investimenti, alla verifica dei crediti e dei debiti”. Ma il pool di tecnici economici, guidati dal prof. Giuseppe Catalano, ha fatto una prima “risonanza magnetica” alle spese messe a bilancio dell’Ente, ed ha dato gli “indirizzi utili”, così esplicitati dal candidato sindaco, Francesco Miglio: “Già da una prima analisi è emerso il macroscopico scostamento delle risorse destinate alla gestione dei rifiuti rispetto ai costi di altri comuni similari: la conferma scientifica e matematica di quello che il buon senso aveva già fatto intuire. Questo dato diventa ancor più significativo, vista la scarsa soddisfazione dei cittadini rispetto al servizio nel suo complesso con strade mai lavate e periferie inondate di rifiuti”. Una revisione della spesa, quindi, che può consentire una riduzione delle imposte comunali a famiglie ed imprese della città, ma anche l’erogazione di servizi più qualificati ed efficienti. “Inoltre  – chiosa Miglio – nell’ottica di una visione moderna della gestione pubblica, l’attività amministrativa di ‘San Severo Bene Comune’ sarà fondata sulla definizione di obiettivi strategici pluriennali, esplicitati nel Piano della performance ed attribuiti alla responsabilità attuativa, alle professionalità dei dirigenti e del personale comunale con una rigorosa valutazione dei risultati messa a disposizione dei cittadini”. Queste le conclusioni dell’avvocato Miglio: “ Dulcis in fundo, il compito strategico della nuova amministrazione ‘San Severo Bene Comune’, sarà di acquisire risorse derivanti da finanziamenti pubblici, progetti europei e cofinanziamenti a privati, sulla base di un’efficace progettualità condivisa con i cittadini”. All’opera c’è anche Francesco Sderlenga, leader di Centro Democratico, che, in vista dell’atteso forum sull’agricoltura, ha iniziato l’incontro con “i saggi” del settore.



Beniamino PASCALE

Altri articoli

Back to top button