In evidenza

PER TUTTI GLI APPALTI DECISAMENTE SI’ ALL’INTERVENTO DELL’ANTICORRUZIONE!

Ancora una volta PRIMIANO CALVO (già per questo querelato il 18.09 e il 6.10 per i precedenti miseri e diffamanti comunicati), con il suo ultimo comunicato del 26 settembre fatto nell’interesse della Città (avrà forse avuto un’investitura referendaria?), parla di “inquietanti” retroscena nell’aggiudicazione dell’appalto al campo sportivo e dei “differenti pesi attribuiti” (dalla Commissione

 

di Gara, suppongo) ai vari criteri di “Migliorie” proposte dalle ditte partecipanti (migliorie che, bontà sua, conosce certamente tutte per esprimere un giudizio di natura tecnica), all’uopo invocando un ricorso “all’AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE” per fare luce e chiarezza.

Intanto, non nascondo che avverto un forte senso di difficoltà a replicare a un personaggio ormai politicamente ‘morto’ (mollato, per scorrettezza, anche dal suo protettore politico romano…) e che cerca di trovare spunti, diffamando a destra e manca, per far sentire ancora una volta la sua sgradita voce. CHE UOMO E CHE CARRIERA! Parli stoltamente di “differenti pesi attribuiti” dalla Commissione di Gara, quando, invece, quello di cui ti dovresti preoccupare sono i tanti “PESI” che porti sulla coscienza amministrativamente, in concorso con altri, per i quali, se dovesse veramente intervenire l’Autorità Nazionale Anticorruzione, altro che “luce e chiarezza” farebbe, ma ci sarebbe solo il totale oscurantismo, ora che non godete più di coperture politiche. Vedi CALVO, comprendo che quelle scemenze che scrivi sono la logica conseguenza di un’abissale incompetenza in materia e che sei stato “chiamato” (ma da chi?) a dire delle cose non vere, in qualità di autoproclamato portavoce di un centro-destra ormai allo sbando, riportando notizie destituite di ogni fondamento tecnico-giuridico (che, presto o tardi, a seguito delle mie querele, sarai pure chiamato a dover dimostrare), che ti sono state messe in bocca da qualche emerito imbecille (l’oracolo di turno) “preparato” esattamente come te su tali problematiche, al solo scopo di diffamare persone e Istituzione.

La stessa cretinata e andando pure oltre (com’è nel suo costume) è stata anche detta a un Funzionario comunale da un tuo collega di politica, già arcinoto come factotum del Comune, già ex (n)astro nascente della politica locale, già ex sindaco di fatto (senza che, però, il Sindaco eletto se ne accorgesse, sic.!), già ex personaggio politico più scomodo della storia del nostro paese (sempre pronto a cambiare colore di casacca, pur di gestire, pronto anche a candidarsi in una delle liste collegate al centro-sinistra alle ultime elezioni, sempre che quel Candidato Sindaco l’avesse voluto) che, però, colpito da improvvisa “peste bubbonica”, è stato subito ripudiato e ritenuto sgradito come “candidato”, da tutte le liste di coalizione del centro-destra, giacché fortemente non voluto dal proprio candidato Sindaco LALLO, uomo di forti e sani principi, cui va riconosciuta tutta la mia personale stima, salvo poi a riciclarsi e (ri)presentarsi sotto “mentite spoglie” (come scriveva un Poeta). ORMAI, IL GIOCO DELLA “CUCCAGNA” E’ FINITO!

Vedete, chi è veramente a conoscenza dei fatti del tipo che andate dicendo in giro, avendone le prove certe, oppure, quantomeno, un fondato fumus, DEVE (non può) presentare formale DENUNCIA-QUERELA ALL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA, assumendosene la responsabilità, come ho fatto io quando vi ho denunciato e querelato con tutta l’allegra compagnia (e, per questo, dallo stolto di turno definito “diffamatore”), se non vuole essere complice, altrimenti, se non ha il coraggio di fare quest’atto di civiltà e di senso civico, è solo un millantatore, un diffamatore e, più propriamente, un ridicolo ciarlatano di corte.

Inoltre, non si comprende per quale motivo non è stato invocato anche prima, né da te né dai tuoi amici di cordata politica, un ricorso “all’Autorità Nazionale Anticorruzione” quando, tutti assieme, avete commesso atti di scelleratezza politica (per cui il popolo vi ha politicamente decimato) quali, solo per citarne alcuni (in aggiunta a quelli già precedentemente rappresentati):

1) Assunzione di ‘vicini’ ad un ipermercato – salvo poi, da parte dell’ex di tutto, a far licenziare la propria per improvvisa dissenteria -; 2) Assunzione di ‘vicini’ in varie società partecipate del Comune -; 3) Assegnazioni di suoli comunali ad altri ‘vicini’ per aprire “chioschi”; 4) Determinazione Dirigenziale di circa 50.000 euro a favore di una ditta (di chi?) dell’Isola di Malta – fatta con data retroattiva, posto che il Consiglio Comunale era stato già sciolto -; 5) Assegnazione di lavori a trattativa privata a ditte ‘amiche’; 6) Validazione Progetti “Rigenerazione Urbana” a tecnici ‘vicini’ non in possesso dei requisiti di legge – Art. 48 – comma 1.b.2 – del D.P.R. n. 207/2010 -; 7) Conferimento rifiuti solidi a Lucera, a un maggior costo – e non più all’impianto di Deliceto – e conseguenziale “sponsor” a società sportiva gestita da ‘vicini’; 8) Licenza Commerciale su via Foggia (LEGITTIMA?) in cambio di un generoso contributo sportivo a società gestita ancora da altri ‘vicini’; 9) Incarico Progettuale ”Rigenerazione Urbana” sempre ai ‘vicini’; 10) Assunzione di ‘vicinissimi’ all’Istituto di Sangro, etc.,etc..

Infine, ti che in questi giorni chiederò ufficialmente l’elenco delle ditte “fortunate” cui sono stati assegnati i lavori a “Trattativa Privata” oppure con la “Procedura Ristretta” degli ultimi cinque anni, gli importi contrattuali con i relativi ribassi applicati, nonché l’affidamento in Sub-Appalto (totale e/o parziale) degli stessi. SONO CERTO CHE CI FAREMO UN SACCO DI RISATE!

Credo che dopo questo ‘decalogo’ non ci sia proprio più nulla da dire, se non, ancora una volta, trovare il tempo per vergognarti. Ad Maiora!

prof. GIOVANNI FLORIO

Altri articoli

Back to top button