In evidenza

SAN SEVERO: Alla Biblioteca Minuziano la presentazione del libro Un Galeotto a Palazzo Celestini di Francesco Capriglione.

Il prossimo giovedì 9 maggio 2013, alle ore 17.00, nella sala conferenze della nuova sede della Biblioteca Comunale “Alessandro Minuziano” in Largo Sanità, avrà luogo la presentazione del libro di Francesco Capriglione, Un Galeotto a Palazzo Celestini, organizzato dal Centro Ricerche Culturali “Il Cinghiale ferito”. La manifestazione si terrà con il patrocinio del Comune di San Severo – Assessorati alla Cultura ed ai Servizi Bibliotecari, le cui deleghe sono seguite dal Sindaco avv. Gianfranco Savino e dall’Assessore Raffaele Bentivoglio.

Il programma della serata socio-culturale prevede la relazione di Francesco Capriglione con l’introduzione di Giuseppe dell’Oglio, presidente dell’associazione organizzatrice. Interverranno il Sindaco della Città Gianfranco Savino e il Direttore della Biblioteca Comunale “Alessandro Minuziano” Concetta Grimaldi. Coordinatore sarà Ciro de Sinno, presidente dell’Associazione “Luigi Zuppetta” – Centro Studi Storici, Filosofici e Simbolici.

Il Centro Ricerche Culturali “Il Cinghiale ferito” – che ha la sua sede sanseverese in via Magenta 15 – è stato costituito il 20 settembre 1976, non ha fini di lucro e, per statuto, «è democratico, apartitico, aconfessionale e aperto a tutti, garantisce la più ampia partecipazione dei Cittadini, degli Enti pubblici, religiosi, morali, culturali ed economici e si avvale in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti e persegue i seguenti scopi: attivare, animare e organizzare energie culturali a sostegno della civiltà e della crescita culturale della Città di San Severo e della Capitanata; promuovere la diffusione delle tematiche culturali, sia a carattere umanistico sia a carattere scientifico, istituendo borse di studio, organizzando convegni, dibattiti e tavole rotonde, nonché dando alle stampe, i lavori di particolare interesse, derivanti dall’attività culturale, di studio e di ricerca dei propri aderenti».

Altri articoli

Back to top button