In evidenza

SAN SEVERO: BASKET – Alius: vittoria col brivido.

Arriva finalmente la prima vittoria in C2 per l’Alius San Severo ma ancora una volta i ragazzi di Panizza dimostrano di amare il thrilling. I biancoverdi si presentano, come nelle precedenti occasioni in vantaggio all’ultimo intervallo ma stavolta fortunatamente non riescono a dilapidare il vantaggio

 

accumulato nei primi 30’. E’ una partita anomala quella giocata col Fasano, squadra arrivata al Palacastellana a punteggio pieno e molto temuta dai sanseveresi. Bjelic viene dai 35 punti personali messi in carniere nella sfortunata gara di Barletta e fin dall’inizio appare soffrire la difesa avversaria ed il metro di arbitraggio dei signori Ferrari e Balice di Bari che sembrano aver dimenticato la regola dello sfondamento. Alla fine il lungo montenegrino chiuderà con un sorprendente  0 nella casella delle realizzazioni, cosa probabilmente mai successa in vita sua. Paradossalmente, una squadra come l’Alius che si appoggiava molto al proprio meraviglioso atleta, sfodera un gioco collettivo invidiabile e porta a referto 5 uomini in doppia cifra che si dividono, praticamente in parti eque, il bottino finale di 81 punti. Probabilmente proprio questo disorienta gli ospiti, giunti in terra dauna con l’obiettivo, neanche tanto velato di limitare la mano più calda degli atleti biancoverdi. Si inizia con Ciavarroni, Ulano, Miglio, Parisatti e Bjelic schierati a uomo per i padroni di casa, a cui rispondono i fasanesi con Santoro, Laquintana, Masi Persichella e l’argentino Sordi. Dopo pochi minuti di studio, in cui l’Alius si porta sul 4-0 con due canestri di Marco Parisatti, la Tecnoacque piazza un primo break rispondendo con un parziale di 12-0. Il gioco è molto fisico e gli atleti di Panizza fanno molta fatica, mentre Laquintana colpisce con precisione dalla distanza. Al 7‘ gli ospiti conducono ancora largamente (7-16) ma l’Alius stringe la difesa e risponde in attacco con Miglio, Ciavarroni e Conte riportandosi avanti alla prima sirena (19-18). Bjelic però deve restare a lungo in panca avendo prematuramente raggiunto i 2 falli. La sua situazione si aggrava all’inizio del 2° quarto quando si macchia della terza penalità personale torna a sedersi. Intanto la squadra biancazzurra non perde contatto e si riporta sul +1 (23-24 prima e 25-26 poi). La Nuova Alius passa alla difesa a zona e quella sembra essere la mossa vincente. Tutti i giocatori biancoverdi cominciano a recuperare palloni su palloni e vanno a colpire in velocità, mentre le polveri dei fasanesi cominciano a bagnarsi e le medie dall’arco dei 6.75 scendono vertiginosamente. Sono solo un ottimo Laquintana ed un volitivo Persichella a rispondere con punti importanti alle incursioni dei padroni di casa. Parisatti in attacco si prende qualche responsabilità in più ed appare molto più autoritario che nelle precedenti apparizioni. Anche Ciavarroni e Conte realizzano con continuità mentre Miglio finalmente ritorna ad essere quello che tutti conoscono e che la scorsa stagione si fece ammirare disputando un gran torneo. Ulano difende energicamente e strenuamente  e anche in attacco colpisce con continuità. L’Alius dà finalmente lo scossone alla gara, portandosi prima sul + 5 (29-24) con una tripla del capitano e poi sul + 9 (38-29) a metà gara. Quando si riparte, non sembra cambiato nulla nel gioco delle fochine. Entra anche Giulio Covino che si disimpegna molto bene in difesa. Il vantaggio dei dauni sale dapprima a + 13 (42-29) e poi a +15 sul 50-35 su contropiede di Ciro Conte. Ciavarroni, sulla sirena dei 30’, colpisce dalla lunga mantenendo un ottimo + 14 (65-51), ottimo viatico per lo sprint finale. Con una tripla di Ulano e un canestro in entrata di Conte, la Ciavarella/LUFA Service raggiunge il massimo vantaggio0 a 8’30” dalla sirena ed ai più sembra impossibile che la vittoria sfugga di mano, anche perché torna il momento di Bjelic da cui tutti si aspettano i punti che possano chiudere la gara. Il gigante col numero 14 invece commette subito i due falli che lo mandano definitivamente fuori dai giochi. Allo stesso tempo Laquintana, Persichella e Sordi raggranellano punti preziosi, anche sfruttando a meglio i viaggi in lunetta e così si passa dal 72-69 a 5 minuti, al 72-65 a 2’30’, fino ai soli 5 punti di vantaggio di casa a 30’ dal termine. La gara si chiude sull’81 a 76 portando i primi punti in classifica ai biancoverdi. Sicuramente le sconfitte precedenti, maturate nell’ultimo quarto,  hanno costituito un grosso spauracchio ed un peso psicologico importante per i ragazzi di Panizza, ma da questo punto in poi bisogna scrollarsi di dosso tutte le paure e dimostrare il valore di questo gruppo. Se una squadra di questo tipo, nella giornata più negativa del suo uomo migliore è riuscita ad imporsi su di un buon avversario come il Fasano, vuol dire che nessun traguardo gli sia precluso. La prossima domenica, alle ore 18.00, l’Alius giocherà una nuova gara casalinga, al palasport comunale, contro la giovane ma temibile formazione della Virtus Ruvo.




Ciavarella/LUFA Service  Alius San Severo – Tecnoacque Fasano 81-76 (19-18; 19-11; 27-22; 16-25)

Alius S. Severo: Covino, Ciavarroni 15, Conte 15, Ciavarella, Vitanostra n.e., Miglio 18, Parisatti 17, Ulano 16, Bjelic, Bevere. All.re Panizza, Vice All.re Leggieri

Fasano: Di Bari n.e., Santoro 8, Liaci, Masi 6, Sabatelli n.e., Rosato, Laquintana 34, Sordi 9, Persichella 19. All.re Colucci

Arbitri Ferrari e Balice

5 falli Bjelic e Ciavarroni

Altri articoli

Back to top button