In evidenza

SAN SEVERO: Loculi cimiteriali cercasi

Se è vero che dopo morti non siamo più niente è pur vero che invece chi rimane sprofonda in un mare di lacrime e dolore, per il distacco terreno dalla persona amata. Concordo col fatto che una volta passati dall’altra sponda poco importa “a chi è morto” dove

 

si viene seppelliti ma, voi immaginate un po’ una nonnetta dover scendere giù per una scala rigida e penetrare nel più profondo degli inferi tra l’umidità e l’odore a mio avviso non sempre gradevole dei fiori lasciati passire, e circondata da lampade votive e pertanto poco luminose della vecchia Tomba del Soccorso. La cosa più brutta e deplorevole è proprio andare alla ricerca del loculo giusto nel momento meno opportuno, posto non troppo in alto e in un posto non molto scomodo, è una corsa all’accaparramento di che? Di quattro mura che sigilleranno per sempre la persona cara tanto amata. Camminando per il cimitero, si notano una infinità di loculi vuoti ma prenotati o meglio già comprati “sulla carta”, in attesa del defunto che chissà potrebbe arrivare tra cinquant’anni, mentre si notano una miriade di “sepoltura provvisoria” in attesa di essere spostati quando il mitico loculo sarà disponibile. Comperare un loculo non è come comperare un appartamento, lo compri oggi e ci vai ad abitare quando vuoi, purtroppo il loculo è una evenienza così contro natura che chi non ci pensa o chi non dispone di liquidità immediata non lo compera prima tempo incorrendo così di doversi accontentare di qualsiasi posto disponibile. Ci piacerebbe a questo punto sapere se effettivamente le varie Amministrazioni fanno l’impossibile affinché tutto segui una stessa direzione, e non promettere alle solite conoscenze, non è possibile che loculi ancora da costruire sono già destinati a terzi e guarda caso i primi posti, senza lasciarsi prendere dal sopravvento di chi con l’arroganza crede di poter comperarsi anche l’Eternità. Altro neo grande è l’assurdità del costo, come a voler dire che solo chi possiede può permettersi di morire (sembra che il costo si aggiri tra i 3.800,00 e i 4.000,00 Euro un tantino eccessivo per un loculo dopotutto è chiuso con dei mattoni forati e non con profili d’oro) alla fine la meta è la stessa per tutti o quasi, poveri o ricchi, belli o brutti, buoni o cattivi solo il Paradiso e l’Inferno ci differenzierà. L’argomento è a dir poco tenebroso ma, come come ogni cosa fa parte della vita e come tale va trattato e discusso affinchè si possano sciogliere tutti i nodi  e soprattutto affinché nel momento in cui uno soffre per la morte del proprio caro non deve preoccuparsi di andare a mercanteggiare per avere un loculo. La morte è già cosa triste, se poi ci si mette anche il loculo introvabile arriveremo ad optare per sotterrarci ognuno nel proprio giardino di casa e chi non c’è l’ha… magari nel giardino accanto.



LA REDAZIONE

Altri articoli

Back to top button