In evidenza

SAN SEVERO: PROGETTO COMENIUS

L’Istituto di Istruzione Secondaria di primo grado “Petrarca-Padre Pio” di San Severo è partner scolastico multilaterale del Comenius, l’ambizioso progetto europeo di istruzione scolastica che mira alla valorizzazione delle diversità culturali e linguistiche e all’acquisizione delle competenze necessarie a maturare una cittadinanza europea attiva.

Tali obiettivi si raggiungono con lo

 

scambio  di conoscenze reciproche in più fasi, dapprima comunicando mediante il Web, poi attraverso le mobilità transnazionali che vedono, a turno, le delegazioni studentesche di ciascun paese membro, partner del progetto, ospiti nelle scuole e nelle case degli allievi degli altri paesi. Lo scopo è quello di apprendere in fieri lingue e culture d’Europa condividendo la quotidianità scolastica e il tempo libero con i coetanei padroni di casa.

E così nella settimana in cui sboccia la primavera e, realmente, baciati dal primo sole della dolce stagione, sono giunti a San Severo 17 giovanissimi studenti europei e i loro 23 accompagnatori,  per partecipare ad un vivo scambio culturale ed umano con i nostri alunni e docenti.

A fare da cornice all’evento è la suggestiva Puglia, grazie all’organizzazione di visite guidate alle bellezze di Capitanata e non solo; ad accogliere questi attesissimi ospiti sono proprio le famiglie sanseveresi  con il calore che da sempre contraddistingue la nostra terra.

La prof. Anna Luisa Curatolo, referente del progetto, il corpo docente e la dott.ssa Lucia Sallustio, Dirigente Scolastico dell’Istituto “Petrarca-Padre Pio”,  insieme alle gentili famiglie degli studenti hanno, dunque, dato il benvenuto alle nove delegazioni  provenienti da Belgio, Francia, Germania, Grecia, Spagna, Polonia, Turchia, Romania e Ungheria. Il ricco programma  proposto agli ospiti consente loro di partecipare a numerose attività  da svolgersi a scuola e sul territorio e, ovviamente, non è privo di allegri momenti conviviali.

Nell’ottica del Comenius, affiancato dal progetto  pluridisciplinare e curricolare « Les trésors de l’Italie », mercoledì 19 marzo, le delegazioni hanno già fatto visita alla Biblioteca  Comunale « A. Minuziano » per scoprire il tesoro letterario italiano per eccellenza, Dante Alighieri.

Per il saluto ufficiale nella Sala delle Conferenze sono intervenute la dott.ssa Enza Cicerale, coordinatrice II Area, e la dott.ssa Concetta  Grimaldi,  direttrice della biblioteca ; presente anche tutto lo staff della biblioteca, alcuni docenti e il Dirigente Scolastico della « Petrarca-Padre Pio », dott. Lucia Sallustio.

Una  numerosa classe aperta composta da alunni, docenti e dirigenti, italiani e non, ha preso parte al laboratorio dantesco sapientemente organizzato dalla dott.ssa Carmen Antonacci.

Nel corrente anno scolastico  le scuole sanseveresi hanno  avuto modo di intensificare il dialogo con le altre agenzie educative presenti sul territorio. In primis la biblioteca continua ad offrire  gratuitamente a tutta la comunità scolastica, laboratori didattici di alto livello gestiti con grande professionalità dagli esperti collaboratori, dott.ssa. Carmen Antonacci e dott. Vito Di Nicoluccio. Ancora una volta con la loro bravura e simpatia_-che non guasta- essi hanno saputo coinvolgere il gruppo senza trascurare l’aspetto ludico. Preziosa è stata anche la collaborazione delle docenti di lingua francese, Annamaria Romano e Daniela Tota, per la traduzione simultanea ; naturalmente ognuno ha provveduto a rispolverare la propria lingua straniera mentre gli ospiti sembravano già avere imparato la nostra.

Dopo le consuete foto, il gruppo del Comenius ha lasciato soddisfatto la biblioteca per recarsi a pranzo nella sede scolastica di via Togliatti e gustare, tra le altre cose, le zeppole, dolce tipico del giorno di San Giuseppe.

Nel pomeriggio nella sede di via San Rocco, ancora un bellissimo concerto, ma il ricchissimo programma continua fino a domenica con tante iniziative che al di là della ricaduta puramente didattica sapranno senz’altro indicare a tutti un modo migliore di stare al mondo.

STEFANIA POVEROMO

Altri articoli

Back to top button