ComunicatiPrima pagina

Si è conclusa una tra le principale fiera d’arte contemporanea in Italia, Artissima a Torino.

Rubrica Società&dintorni

Si è appena conclusa una tra le principale fiera d’arte contemporanea in Italia, Artissima a Torino.

Fondata nel 1994, unisce la presenza nel mercato internazionale a una grande attenzione per la sperimentazione e la ricerca.

Alla fiera partecipano ogni anno gallerie da tutto il mondo. In aggiunta all’esposizione fieristica

(Main SectionDialogue/MonologueNew EntriesArt Spaces & Editions), Artissima si compone di tre sezioni artistiche dirette da board di curatori e direttori di musei internazionali, dedicate agli artisti emergenti (Present Future), al disegno (Disegni) e alla riscoperta dei grandi pionieri dell’arte contemporanea (Back to the Future). La fiera, curata da Artissima srl, società (Fondazione Torino Musei) si è tenuta nei giorni 5-7 Novembre, dedicata al concetto di Controtempo. Termine mutuato dall’ambito musicale, qui eletto a metafora della capacità dell’arte di battere sui punti deboli trasformandoli in punti di forza, creando  contrasti. Location per eccellenza i vasti spazi Oval in zona Lingotto, le quattro storiche sezioni che compongono la fiera (Main Section, New Entries, Dialogue/Monologue e Art Spaces & Editions).

Artissima è un momento unico, affermato a livello internazionale, un trampolino di lancio per artisti emergenti e gallerie sperimentali, che ogni anno attrae collezionisti, professionisti del settore e appassionati.

Artissima 2021 nasce in una situazione temporale anomala, ma che in realtà continua, produrre nuove visioni, idee, modi di agire e reagire. L’eredità dei tempi critici e complessi spinge ad attivare un cambio di passo che si manifesta nella necessità di trasformare la fragilità in forza attraverso una visione creativa. Espressi in eventi unici come questi in cui finalmente si ritrova un po’di normalità, di leggerezza, di colori emotivi.

Elisabetta Leone

Altri articoli

Back to top button