Comunicati

CARA TARI SIAMO PRIMI (Nelle tasse)

In questi giorni i cittadini onesti, compresi  i SanSevereresi,  si  stanno svenando per pagare l’ennesima tassa: la TASI ( ex ICI, ex IMU), a poche settimane dall’altro  balzello: la TARI (ex Tares, ex Tarsu).

AltraCittà, dopo aver già denunciato in primavera la vergogna che a San Severo la tassa sui rifiuti è stata la più alta della provincia di Foggia; ha affidato un ulteriore studio comparato sulla TARI confrontata con altri comuni

 

della provincia (Rignano, S.Giovanni R.) e di altre zone ( San Benedetto del Tronto).

I comuni presi in esame fanno la raccolta differenziata “porta a porta” come  San Severo ma con costi decisamente più bassi, infatti le variazioni, a seconda del comune e della tipologia di abitazione e di nucleo famigliare, oscilla in più, incredibilmente da il circa 28%  rispetto a Rignano G. al 74%  di San Benedetto d.T. Infatti sono state prese in considerazione 4 tipologie di utenze: abitazioni di 70-80-90 e 100 mq con nucleo famigliare di 4 persone: siamo sempre nettamente primi sommando la quota fissa+tassa variabile+ l’imponibile+ tassa provinciale.

Senza entrare troppo nei dettagli tecnici e contabili (mettiamo a disposizione i dati sul nostro sito i dettagli e sulla nostra  pagina di face-book) insomma noi che siamo stati elogiati per essere un Comune virtuoso per la percentuale di raccolta differenziata che l’anno scorso era arrivata al 60%, paghiamo più sia di chi fa la raccolta differenziata che di chi non la fa!

Quando abbiamo sollevato il problema nel passato ci è stato detto che la raccolta differenziata porta a porta è costosa, adesso come la mettiamo rispetto a comuni che adottano lo stesso sistema?

Va detto tra, l’altro che nel frattempo la raccolta differenziata è notevolmente scesa sotto il 40 %, quindi il nostro Comune non né virtuoso né  economico.

Di questa materia crediamo che ormai si debbano interessare gli organi inquirenti per i costi esagerati e i troppi lati oscuri: discariche nelle campagne a ridosso della città; la gestione dell’umido e i balletti tra Lucera, Deliceto… rifiuti ritirati da privati non autorizzati, costi del servizio che, tra le altre cose, è in regime di “prorogatio” poiché il contratto è  scaduto da circa 1 anno. Perchè non vengono consegnati ai cittadini i sacchetti biodegradabili? Perché non viene promosso l’uso delle compostiere ad uso famigliare?

Da quando il servizio di igiene urbana è stato affidato a privati, i costi sono lievitati in modo esponenziale e, tutto sommato, non vediamo grandi differenze: adesso anziché vedere i cassonetti di una volta ne vediamo più piccoli ma a decine davanti a pizzerie, negozi ecc.

Dove sono quei gruppi politici che in campagna elettorale sbandieravano abbassamento di tasse, trasparenza e nuovo modo di amministrare? Perché non si fa una commissione d’inchiesta consiliare? Intanto si dovrebbe adottare la doppia pesata dei camion, in modo da evitare che i rifiuti “lievitino” durante il trasporto.

San Severo, 20.10.2014

AltraCittà San Severo

Cell. 366 2837671

altracittasansevero@gmail.com

www.altracitta.net

Altri articoli

Back to top button