Comunicati

E’ necessaria una riflessione sui cambiamenti climatici in atto e del bisogno di proteggere la nostra agricoltura da eventi imprevisti ed imprevedibili

Gli eventi atmosferici che, nelle ultime ore, hanno colpito l’intero comparto agricolo dell’agro di San Nicandro Garganico dimostrano di come sia necessaria, ed urgente, una riflessione sui cambiamenti climatici in atto e del bisogno di proteggere la nostra agricoltura da eventi imprevisti ed imprevedibili”, dichiara la Presidente dell’ASP “dott. Vincenzo Zaccagnino”, avv. Patrizia Lusi.

Le violente grandinate succedutesi nelle giornate appena decorse hanno danneggiato interi ettari di colture, in special modo quelle orticole e gli uliveti, senza risparmiare infrastrutture come serre e impianti irrigui, in alcuni casi completamente distrutte. Ovvio che queste avversità metereologiche andranno ad influire pesantemente sulle produzioni, che per molte aziende sono del tutto azzerate, con le immaginabili conseguenze sulla perdita di reddito per tanti agricoltori, che con passione e professionalità si prendono cura di una delle zone più fertili e produttive della Puglia”, continua l’avv. Lusi.

Sono certa della vicinanza della Regione Puglia e del Presidente Michele Emiliano, nella sua veste di Assessore all’Agricoltura ad interim, alle aziende così pesantemente colpite, a dimostrazione di quanto sia importante questa area con le sue pregiate produzioni, molte destinate all’export, per l’intero sviluppo agricolo della Capitanata”, prosegue la Presidente Lusi.

Considerate le vicende di queste ultime ore e le difficoltà per il comparto agricolo della zona, la Presidente Lusi e l’intero Consiglio di Amministrazione della ASP Zaccagnino, nell’esprimere concreta vicinanza e solidarietà agli agricoltori colpiti, hanno voluto rinviare al mese di settembre prossimo la festa di “Capocanale”, già programmata dalla ASP per fine luglio; infatti, non è parso opportuno che questo appuntamento festoso, nel quale si incontrano gioiosamente le maestranze ed i lavoratori con le proprietà e le aziende, venisse a cadere in un momento così drammatico per l’intero comparto agricolo della zona. Per questa ragione è stato deciso di rimandare a periodi meno bui questo momento di bilancio dell’annata agraria decorsa, di valutazione consuntiva della produzione cerealicola aziendale e degli indirizzi per le prossime colture dell’ASP.

La Presidente avv. Patrizia Lusi

Altri articoli

Back to top button