In evidenzaPoliticaPrima pagina

MIGLIO: Ancora un balzo e potremo collocare questa città nel posto che merita nel panorama provinciale, regionale ed europeo.

“Sono stati cinque anni di impegno intenso, teso soprattutto a tirare fuori San Severo dalle secche dell’anonimato e della rassegnazione in cui l’avevano fatta sprofondare i governi precedenti. La strada, come qualsivoglia percorso ambizioso, è lunga e perfettibile, ma abbiamo cominciato a lastricarla, metro dopo metro. Ancora un balzo e potremo collocare questa città nel posto che merita nel panorama provinciale, regionale ed europeo. Io ci credo. Il filo conduttore del percorso insieme sarà quello della legalità.
Legalità è comunità| Gli uomini e le donne che compongono la mia bellissima coalizione, composta da cinque liste di gente perbene, seria, appassionata.
Legalità è sicurezza| Sul recupero della dignità di San Severo ho fatto scommessa, la mia, la più grande. E l’ho dimostrato in questi anni: interlocuzioni con Roma, rapporti intessuti a livello ministeriale, pressing istituzionali asfissianti. Ho urlato per la mia città, nel vero senso della parola. E l’ho fatto forte. Fino a pretendere dall’ex Ministro degli Interni Marco Minniti, oggi grande amico mio personale e della nostra città, che San Severo diventasse priorità nell’agenda del governo nazionale, ottenendo per la città e per l’intera provincia misure straordinarie in termini di sicurezza, a partire dal Reparto Prevenzione Crimine Puglia Settentrionale. Non era scontato. Pochissime realtà hanno un terzo presidio di questo genere. San Severo lo ha ottenuto. La sicurezza è stato il tema che mi ha tolto il sonno.
Legalità è cultura| E’ qui che il Teatro Pubblico Pugliese ha deciso di allocare le sue iniziative regionali quando ha voluto parlare di questi temi. San Severo per la prima volta tappa “obbligata” all’interno di una programmazione regionale. Tanto da diventare meta extraprogramma anche di ‘Battiti’, la nota kermesse musicale di RadioNorba. La svolta culturale, il cambio di mentalità, di paradigma. La reazione. Da qui si parte per tornare a crescere.
Legalità è sviluppo| Numerosi i progetti costruiti, pezzetto dopo pezzetto. 40 i milioni di euro intercettati. Strade, scuole, ambiente, è lungo elenco di cose fatte per ammodernare la città, molte delle quali sono già operative; delle altre si potrà godere nel medio termine: pensiamo al finanziamento per la nuova sede del Commissariato P.S. e Polstrada, ma anche a quello per l’ammodernamento della SS 16 tratto Foggia – San Severo e l’ampliamento del sistema di Videosorveglianza; e ancora, ai circa 7milioni di investimenti per la fogna bianca, un unicum storico che la città attendeva da decenni. Ma l’elenco non si chiude qui. C’è il finanziamento per l’interramento dell’elettrodotto nel Quartiere San Bernardino; 8.5 milioni di euro per l’edilizia scolastica e la sicurezza dei nostri figli e dei docenti, 5.7 milioni di euro per la Rigenerazione Urbana della nostra città. Tanto altro è stato fatto, tanto altro c’è ancora da fare.
Legalità è futuro| Cinque anni non possono esaurire le esigenze di una San Severo che comincia ad assumere un nuovo volto, dopo decenni di lassismo. Né permetteremo che la Città torni in mani politicamente insipienti, proiettate esclusivamente sulle carriere dei singoli e prive di uno straccio di progetto per la nostra comunità, che non solo non hanno avuto in questa campagna elettorale il coraggio di affrontarci, ma si son ben guardati dall’affrontare la comunità, i cittadini.
Severo è ad un bivio, e non sarà un’accozzaglia mal assortita a far dimenticare i danni prodotti da nomi ben noti a questa città, che già ci hanno affossato in passato.
E’ per questo che, oggi più di ieri, riteniamo blasfemo rischiare di interrompere per meri “giochi di palazzo” un circuito virtuoso e vitale per la nostra Città. Questa esperienza politico-amministrativa deve continuare. La città, quella che si riversò per le strade per la straordinaria manifestazione pro sicurezza che scosse positivamente nel 2017 San Severo, saprà riversarsi in massa domenica alle urne per fare la scelta migliore. Immagini che non dimenticherò. Nomi e volti che sapranno dire a gran voce che vogliono continuare nel percorso intrapreso, accanto ad un sindaco che ha dimostrato di saper esserci, con coraggio, umiltà e voglia di cambiare destini che qualcuno vorrebbe riportare al passato, riavvolgendo il nastro della speranza che faticosamente abbiamo sbrogliato con la nostra comunità.
Non glielo consentiremo.

Buon voto San Severo.
Francesco Miglio

Altri articoli

Back to top button