ComunicatiIn evidenza

Ospedale: Reparti senza medici. “Miglio dia risposte alla città sul suo silenzio.”

“Ora basta, vogliamo risultati concreti e non solo promesse.”

Ancora una volta il nosocomio sanseverese rischia di non poter rispondere alle esigenze del territorio. Da oggi 6 luglio 2022 infatti in alcuni reparti, come Ginecologia, non si riescono a garantire i turni del personale e nello specifico dei Medici, lasciando scoperto per ore il servizio.
Immaginiamo cosa potrebbe succedere oggi se qualcuno necessitasse d’urgenza di cure e non trovasse Medici in turno. Tutto questo è inaudito.
Una situazione nota da tempo e sollecitata più volte da cittadini, movimenti, esponenti politici e dal personale medico sanitario al Sindaco ed  alla sua sorda maggioranza. L’amministrazione seppur non direttamente coinvolta in questi processi dovrebbe e potrebbe però  sbattere i pugni sugli opportuni tavoli istituzionali di Emiliano e ASL  per garantire un vero servizio sanitario sul territorio, invece sempre più spesso si assiste a passerelle inutili che finiscono per porre un argine, solo momentaneo, al declino che sta vivendo l’ospedale Teresa Masselli Mascia.
Perciò chiediamo che in tempi rapidissimi il Sindaco, in qualità di prima autorità sanitaria della città, si interfacci con le istituzioni competenti e aggiorni il Consiglio Comunale sui risultati ottenuti. Più volte il Consiglio si è interessato con ordini del giorno aperti anche alla collettività di esporre l’importanza che riveste l’ospedale non solo per la città ma per tutto l’Alto Tavoliere. Ragioni però che nei fatti non si sono tradotte in azioni finalizzate a valorizzare il personale sanitario , ad implementarlo e a migliorare i servizi offerti ai cittadini. Ora basta, vogliamo risultati concreti e non solo promesse.
Non possiamo permetterci di vedere chiusi, da qui a breve, reparti importanti.
Le responsabilità per qualcuno sarebbero enormi.
I consiglieri comunali  Rosa Caposiena , Pierluigi Marino, Giuseppe Manzaro, Rosario Di Scioscio , Fabiola Florio , Lidia Colangelo 

Altri articoli

Back to top button