Comunicati

Porrelli: Aggressione nel ghetto “Uno sfruttamento che degenera in forme di schiavitù e violenza “

Non vi è alcuna possibile giustificazione sociologica per pratiche di aggressione di tal genere.
Mercoledì  30 aprile mentre nell’albergo diffuso sito a san severo “Casa Sankara” ospitava il passaggio della carovana antimafia di Libera, due attivisti  africani del albergo diffuso casa sankara vengono aggrediti al ghetto di rignano garganico da

 

caporali contrari allo smantellamento di tanta illegalità.
La violenta aggressione subita nell’accampamento fa pensare il livello di criminalità che si e costituito nel ghetto.
Uno sfruttamento che degenera in forme di schiavitù e violenza . 
“Bisogna applicare le norme attuali per combattere caporalato”„”Siamo fortemente preoccupati circa le sorti di questi lavoratori  proprio perché le vicende che la cronaca ci ha narrato mostrano l’esistenza di una linea di continuità fra questo tipo di situazione e quanto avviene, in prevalenza nel settore agricolo ed in quello edile, dove la forte presenza di caporalato moderno, produce fenomeni acclarati di neoschiavismo. 
l lavoro irregolare (o sommerso) è uno dei tratti caratterizzanti di questo “nuovo” caporalato. Non di rado il caporale “arruola” lavoratori immigrati senza alcuna forma di contratto regolare, e al di fuori di ogni regola soprattutto per quel che riguarda le disposizioni poste a tutela della salute e sicurezza del lavoratore.
Rifondazione comunista di San Severo da la piena solidarietà ai due fratelli africani che ogni giorno combattono una dura battaglia contro chi cerca di sfruttare, e siamo sempre più convinti che il Ghetto di Rignano Garganico va chiuso, in tempi strettissimi, il ghetto e simbolo di degrado e schiavitù in un paese civile.
La legge Bossi-Fini e i vari pacchetti sicurezza seguenti, sono una forma di legislazione economica più che securitaria, legata più la mercato del lavoro che all’immigrazione in quanto tale. Negli ultimi venti anni il mercato del lavoro italiano e quello straniero sono entrati in concorrenza. 

La segreteria cittadina
Partito della Rifondazione Comunista

 

 

Altri articoli

Back to top button