CronacaIn evidenzaPrima pagina

San Severo: Lotta al caporalato – la Polizia ferma due auto sospette: caporali in fuga, mezzi sequestrati

Proseguono i controlli del territorio al fine di contrastare il fenomeno del caporalato nel Foggiano. Nella giornata di lunedì 19 agosto, intorno alle 15.30, gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine “Puglia Settentrionale” di San Severo, in contrada Casone, hanno incrociato, nel senso opposto di marcia, due autovetture.

Si trattava di una Ford Galaxy con targa bulgara, con una persona di colore a bordo, immediatamente seguita da una Volkswagen Polo con targa italiana, sempre con tre persone di colore a bordo. Gli operatori, nell’immediatezza invertivano il senso di marcia ed intimavano l’alt alle due autovetture. Per tutta risposta, la Ford Galaxy rallentava e usciva dalla sede stradale, ed il conducente, prima che l’auto si fermasse, usciva velocemente dall’abitacolo dandosi a precipisa fuga nei campi circostanti.
L’altra autovettura, che nel frattempo aveva guadagnato terreno, metteva in atto una manovra improvvisa e pericolosa, in quanto frenava bruscamente e dopo aver inserito la retromarcia cercava di inserirsi in un tratturo laterale, ma il conducente non avvedendosi di un albero alle sue spalle impattava violentamente con il posteriore dell’auto, terminando così la sua corsa.

l tre occupanti, scesi velocemente dal veicolo, si facevano scivolare nella scarpata profonda circa 4 metri, e si davano alla fuga anch’essi nei campi circostanti. Perse le tracce dei fuggitivi, si procedeva al controllo info-investigativo delle autovetture: la Ford Galaxy risultava intestata ad un cittadino macedone, sprovvista di copertura assicurativa e relativa revisione (sequestrata); la Polo risultava, invece, intestata ad un cittadino italiano, anch’essa sprovvista di copertura assicurativa e relativa revisione, anch’essa sequestrata.

Alla luce di quanto emerso, i soggetti in concorso sono stati deferiti all’autorità competente per i reati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro nonchè resistenza a pubblico ufficiale.

Altri articoli

Back to top button