Comunicati

UNA LEZIONE SOCIALE PER UN FUTURO MIGLIORE

di DESIO CRISTALLI

Qualche giorno fa sono state chiuse le indagini preliminari relative a quella deprecabile aggressione ai vigili urbani avvenuta a San Severo, sul ‘Viale della Villa’, lo scorso 30 giugno. Tre giovani di San Severo, ricorderete, tra cui un  minore, aggredirono verbalmente e fisicamente tre agenti (uomini e donne) della Polizia Municipale. Le indagini condotte

con caparbietà dal nostro Commissariato di Polizia, acquisendo fotogrammi da impianti di videosorveglianza, raccogliendo le testimonianze di alcuni giovani presenti all’episodio, nonché scandagliando i profili pubblici su piattaforme sociali, hanno consentito l’identificazione degli autori materiali del grave episodio. Non ci è sfuggito il dettaglio più importante. E cioè che, oltre ad essere stato rievidenziata l’utilità assoluta degli impianti di videosorveglianza che ormai non concedono più a nessuno (o quasi) di rimanere impunito se commette un reato in strada, è risultata determinante la testimonianza di giovani sanseveresi che hanno coraggiosamente collaborato con le Forze dell’Ordine. Un esempio (finalmente!) di convinta ed encomiabile solidarietà sociale ed un’autentica lezione che lascia presagire – in tanto marasma ed incoscienza brutale nei rapporti col prossimo – una speranza in un futuro MIGLIORE, più CIVILE, più CRISTIANO e, quindi, più UMANO. E ci fa ancora più piacere,  come forse non molti si sarebbero aspettato, che un tale atto di meritevole coraggio sia venuto da giovani da prendere ad esempio. L’episodio è sintomatico di qualcosa che forse sta cambiando e che potrebbe far emergere una generazione migliore delle precedenti, dove chi sbaglia viene punito per mano di chi vuole una società più coraggiosa ed impegnata a difendere la PROPRIA TERRA senza tentennamenti comodi, spesso distruttivi per la comunità. Se non ci fosse il rischio di esporli…ai rischi che conosciamo, ci verrebbe spontaneo chiedere alle autorità di encomiarli senza indugio. Ma dobbiamo purtroppo privarli di tale gratificazione sociale ed aspettare che il mondo che ci circonda diventi meno cattivo…!

Altri articoli

Back to top button