ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

San Severo: ANTICHE MASSERIE ABBANDONATE

#ANTICHE MASSERIE Questo è ciò che rimane di antiche masserie in contrada S.Andrea nella zona della vecchia chiesetta della Madonna dell Oliveto ormai sconsacrata da decenni….questo film rivisto in molte altre,vere opere d’arte lasciate nelle mani di ignobili ladri che per guadagnare pochi euro non si fanno scrupolo a demolire pezzi di storia che erano in piedi da centinaia di anni. Mattoni che raccontavano la storia e i sacrifici dei nostri avi,la ricchezza del nostro territorio nel passato nonché la semplice costituzione delle antiche contrade come quella in foto S.Andrea esempio per tutti trovandosi sulla trafficata via Foggia e quindi scempio sotto gli occhi distratti di tutti. Il problema però è molto più ampio perché abbraccia anche occupazioni abusive e abbattimenti “ANTI TASSE” ,manca infatti la cultura della preservazione,del bello dello storico. Un uomo senza testimonianze del passato cosa potrà mostrare alle generazioni future,si guarda al futuro e si dimentica troppo spesso il proprio passato si fa finta semplicemente di non vedere si accetta il declino della storia del vecchio,senza che nessuno si preoccupi di difendere queste opere d’arte Ormai sempre più spesso mi capita di rivisitare quelle masserie che fino a pochi mesi fa erano ancora in piedi e ora sono cumuli di macerie..soluzioni? Possibile mai non si possano tracciare le montagne di mattoni,archi di pietra,stipiti soglie presso rigattieri e privati cittadini per sapere la provenienza? Possibile mai che provengano tutti da demolizioni regolari? Da muratore so che non è così e vedere queste nefandezze questi scempi che continuano ininterrotti ormai da diverso tempo mi fa rabbia. I controlli nelle campagne dove sono?sono ormai diventati all’ordine del giorno i furti anche di prodotti agricoli non solo di natura edile… Io chiedo si preservi quel che rimane del nostro passato affinché le generazioni future possano beneficiare di un pezzo di storia antica del nostro territorio cittadino.

Armando Dell’oglio

Altri articoli

Back to top button