ComunicatiIn evidenza

Antiracket: al fianco di Lazzaro D’Auria, a San Severo manifestazione di solidarietà

Il territorio di Capitanata non lascia solo Lazzaro D’Auria: è stata programmata per il prossimo martedì, in agro di San Severo, una manifestazione antimafia al fianco dell’imprenditore foggiano vittima di nuove intimidazioni nei suoi terreni.

L’iniziativa è stata lanciata dal presidio di Foggia ‘Nicola Ciuffreda e Francesco Marcone’ dell’associazione Libera, l’associazione antiracket ‘Luigi e Aurelio Luciani’ e dalla fondazione antiusura Buon Samaritano, che dà a chiunque appuntamento a martedì 21 giugno, alle 18, presso l’Apod, l’azienda di Lazzaro D’Auria (km 654 della Statale 16 in agro di San Severo), per portare vicinanza all’imprenditore che si è opposto alla spietatezza e spregiudicatezza della ‘Quarta Mafia’ foggiana dopo ingenti minacce e richieste di pagamento a scopo estorsivo.

“Abbiamo voluto questo momento per confermare vicinanza e pieno sostegno all’imprenditore che ha deciso di non cedere al ricatto della criminalità, auspichiamo una viva e sentita partecipazione da parte delle associazioni, dei movimenti e di chiunque abbia a cuore lo sviluppo, la crescita, la salvaguardia e la dignità della provincia di Foggia. Deve scomparire l’omertà” – questo l’appello degli organizzatori.

L’imprenditore campano, in dieci anni di attività nella provincia di Foggia, si è distinto per non essere mai sceso a compromessi con la legalità, volendo restare sempre dalla parte dei lavoratori. È da ricordare in questa sede il doppio impegno di Lazzaro D’Auria per il nostro territorio, che dieci anni fa decise di investire proprio in Capitanata con la sua azienda, puntando sui terreni di Borgo Incoronata, scenario dell’ultimo atto intimidatorio durante i quali sono stati dati alle fiamme 100 ettari di terreno, nel giro di 24 ore, insieme ai tubi di irrigazione dei campi di pomodoro. “Lo dovete fare perché dovete pensare al futuro dei vostri figli e nipoti, a Foggia chi vuole vivere deve lavorare, non delinquere”, così Lazzaro D’Auria incoraggia a non cedere mai ai ricatti della criminalità.

Altri articoli

Back to top button