Cultura

QUELL’UOMO DEL23 MARZO 1950

di MICHELE MONACO

Marzo1950-marzo 2015. Un vecchio, ricurvo sotto il peso dei suoi anni, imboccò via dei Quaranta, passò davanti all’ex caserma della Polizia di Stato e si soffermò a osservare il cortile situato a pianoterra. Lo osservò a lungo perché in quel cortile, 65 anni prima, era stato trattenuto in stato di arresto- insieme a numerose altre persone- per essere poi trasferito nel penitenziario di

 

Lucera. Scuoteva la testa pensando a quei giorni, si chiedeva spesso se si poteva evitare che si scatenasse l’inferno in città. Quella ferita politica era ancora aperta. Un avvenimento che aveva marcato a fuoco la sua persona e quella di circa duecento concittadini tutti incarcerati con una accusa tanto grave e infamante, quanto ingiusta e totalmente falsa:“insurrezione armata contro i poteri dello Stato”. Roba da ergastolo. L’uomo dovette scontare due anni di carcere per poi essere assolto, insieme a tutti gli altri, con formula piena, dalla Corte d’Assise. Gli sembrava incredibile: due anni di detenzione nel pieno di uno Stato Democratico e Repubblicano. Uno sciopero generale degenerato in una rivolta a causa di provocazioni e atteggiamenti di una polizia forgiata da un Ministro degli Interni come MARIO SCELBAche, con il corpo della “Celere”, svolgeva un ruolo primario nella repressione delle lotte bracciantili e operaie. La repressione scelbiana, dal 1947 al 1954, registrò 109 lavoratori uccisi nel corso di scontri con la polizia, un numero di vittime difficilmente giustificabile non solo dal punto di vista umano e politico, ma anche da quello tecnico-professionale. L’uomoripensava a quel maledetto 23 marzo del 1950, alle accuse incredibili del Pubblico Ministero, ma ripensava anche al loro straordinario difensore che fu LELIO BASSO (nella foto), un avvocato e Senatore della Repubblica, figura storica del Socialismo Italiano. Ricordava perfettamente la memorabile arringa di BASSO conclusasi con le seguenti parole:” Questa sentenza voi pronuncerete in nome del popolo, e il popolo, in nome del quale parlate, il popolo di cui dovete essere gli interpreti, non è soltanto il popolo grasso che vuol conservare i suoi privilegi, ma è il vasto popolo che comprende tutti i cittadini, soprattutto la grande massa dell’umile gente che lavora, che soffre e che lotta per diventare non più oggetto ma soggetto di storia, e per fare finalmente del nostro paese, secondo il principio affermato dalla Carta fondamentale,una Repubblica democratica fondata sul Lavoro. Sia la vostra sentenza degna di questo Popolo”.

 

 

Altri articoli

Back to top button